Ultime Notizie
Box sotto Ultime Notizie
Santo Rosario on line
Newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email per essere informato sulle novità della nostra Comunità:
Registra Cancella
Box sotto Ultime Notizie
Versione Stampabile

28 Maggio 2017 – ASCENSIONE di Nostro Signore (Anno A)

venerdì 26 maggio 2017
28 Maggio 2017 – ASCENSIONE di Nostro Signore (Anno A)

 “Non saremo mai più soli”

I Lettura: At 1,1-11 – Salmo: 46 – II Lettura: Ef 1,17-23

 

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 28,16-20):

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato.

Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».  

 

Il Vangelo con la chiusa più bella? Sicuramente questo di Matteo!

Che lascia l’ultima parola a Gesù.

 

Gesù era stato uno shock enorme per chiunque lo avesse accostato. Mai nessuno aveva irradiato un tale fascino.

Quanto ai suoi discepoli, per i quali era stato padre – madre – maestro – amico – pastore –chioccia – scudo – focolare, doverlo perdere ancora doveva essere uno strazio.

E poi, ora, cominciavano gli anni duri, le tremende responsabilità: c’era da convertire il MONDO.

Basta egoismo, basta prepotenza, basta libidine, basta avarizia,cioè basta a tutto ciò che il mondo amava e praticava da sempre.

 

Chissà cosa avrebbe riservato il MONDO ai predicatori del Vangelo!

 

Del resto, Gesù lo aveva lucidamente prospettato:

DISPREZZO

PERSECUZIONI

CARCERE

TORTURE

MORTE

e l’accusa di essere VISIONARI, SACRILEGHI, IMPOSTORI

per di più sapendo di essere IGNORANTI,IMPREPARATI,INCAPACI.

 

Ce n’era abbastanza per sedersi scoraggiati sul ciglio della strada. ma Gesù li rincuora: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra». Poi li spinge, li caccia quasi, con parole che sono come sacramenti: «Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli».

 

Ma non basta. Si sono alzati, già si mettono in cammino, ma si guardano ancora indioetro sgomenti.

 

Ed eccola frase capolavoro, lo squillo di tromba che dà la carica a loro, a noi, a tutti i cristiani di ogni tempo: «Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo»

 

Ora SI che la morte, ogni morte, ogni viltà, è sconfitta.

Può, un Libro, terminare in maniera più luminosa?